viaggio india tripadvisor

Cosa da Vedere karnataka

Parco Nazionale di Bandipur
Sparso in una vasta area, che comprende 874 chilometri quadrati, il Parco Nazionale di Bandipur è un grande esempio degli sforzi di conservazione di Project Tiger. Questa riserva di tigri è stata utilizzata come riserva privata di caccia dal Maharaja di Mysore nei tempi precedenti. Insieme al Parco Nazionale di Nagarhole, al Parco Nazionale di Mudumalai e al Santuario della Wildlife Wayanad; Fa parte della ben nota Riserva della Biosfera di Nilgiri.
Tutta questa riserva ha guadagnato riconoscimento per la sua reputazione come la più grande area indiana dell'India meridionale. Un ottimo esempio di Eco-conservation, il sereno Parco Nazionale di Bandipur si trova lungo l'autostrada Mysore-Ooty di Karnataka. L'anno 1973 annunciò la costituzione della bellissima riserva tigre di Bandipur. Gestito squisitamente nel parco, numerosi biomi costituiti da boschi di latifoglie umide, foreste decidue secche e campi arbusti. A casa un perfetto clima tropicale, la sua bellezza è migliorata a causa della presenza di molti fiumi.
L'estremità settentrionale è testimone del fiume Kabini e il Moyar scorre attraverso il sud del parco. Inoltre, l'incantevole Nugu fluisce attraverso di essa. Molte specie in pericolo e vulnerabili hanno rifugiato qui. Gli sforzi rigidi che seguono per la conservazione sono estremamente utili nel mantenere sicuro il futuro di varie specie. Una vista maestosa attende gli appassionati della fauna selvatica quando testimoniano i potenti elefanti che passeggiano nel parco o la tigre sfuggente che caccia la sua preda.

Chikmagalur
Chikmagalur (Chikkamagaluru) è conosciuta conosciuta come Coffee Land of Karnataka e una stazione di collina di Karnataka attrae molti Trekkers, coppie di nozze, esploratori e amanti della natura durante l'anno.
Chikmagalur o Chikkamagaluru letteralmente significa "La città della figlia minore". 'Chikkamagalu' in Kannada significa 'figlia di te' e 'uru' in kannada significa 'città' o 'luogo' Si dice che sia stata data come una dote alla figlia più giovane di Rukmangada, il leggendario capo di Sakrepatna.
Chikmagalur comprende i taluks di Chikmagalur, Koppa, Mudigere, Sringeri, Tarikere, Kadur e Narasimharajapura. Le stazioni collinari intorno a Chikmagalur sono famosi ritiri estivi perché rimangono freschi anche durante le estati.

Gokarna
Gokarna, che significa l'orecchio della mucca, è un holysite situato sulla costa di Karavali, immerso tra i fiumi di Agnashini e Gangavali. Il centro è conosciuto per ospitare il famoso tempio di Shiva dove si trova l''Aatmalinga'. Si ritiene che l'Aatmalinga del Signore Shiva sia a forma di orecchio di una mucca, dando origine al nome Gokarna. Gokarna è salutata come uno dei sette centri "Muktistalas" o pellegrinaggi dello stato di Karnataka in India.
Il momento migliore per visitare il luogo è durante il tempo di Shivrathri, dove un festival di quattro giorni è segnato da due carri giganti tirati da diversi devoti ed è dedicato a Lord Shiva. Oltre al famoso tempio, Gokarna è benedetta con spiagge appartate e incontaminate. Ci sono quasi quattro spiagge presenti a Gokarna - di cui la spiaggia Om è la più famosa.

Badami
Badami è un luogo interessante da visitare inKarnataka, situato a circa 499 km da Bangalore. Badami è pittoresco situato alla foce di un burrone tra due colline rocciose, ad un'altitudine di 177 metri. Badami fu fondato da Pulakesin I ed era la capitale dei Chakukyas, riflettendo l'arte di Chalukyas in stile, grazia e forza.
Uno dei punti principali di questa città è la gola naturale impreziosita da templi e cancelli, che conducono alla città. Badami è famosa per il suo lago artificiale, templi antichi e museo. La mainattraction di Badami sono le grotte scavate in pietra di sabbia sulla cima della collina e appartiene al VI secolo dC. La temperatura di Badami varia da 10 a 15 gradi Celsius negli inverni e da 23 a 38 gradi Celsius nelle estati. Badami può essere visitato tutto l'anno tranne le estati dal mese di aprile a giugno.

Bangalore
La città più viva dell'India meridionale è Bangalore. Un punto di fusione di origini etniche e culturali, il hoi polloi è incantato insieme qui. Quasi tutti parlano l'inglese, anche se è solo un matrimonio, e tutti sono consapevoli del privilegio con cui sono stati assegnati.
Sì, ogni residente di Bangalore, a prescindere da dove stanno, prende un grande orgoglio nel loro indirizzo. Centri commerciali, parchi, pub, teatro, caffè, gallerie d'arte, palazzi - in un dato punto, Bangalore è ronzio e vivo con attività.

Shravanabelagola
A nord-ovest di Bangalore, capitale del Karnataka. La città è un centro importante per Jaina Art, Architettura, religione e cultura per oltre 2.300 anni. È una città di stagni e templi. Il nome di questo santo centro è derivato dallo stagno chiamato 'bili-gola' (stagno bianco) tra due colline. Il più grande numero di Digamber jam Basadis in India è fondato Shravanabelagola. Questo distinto, più grande numero di iscrizioni di roccia, concentrato in un unico centro si trova qui. Il tempio della Chikkabetta - Chandragiri, è conosciuto come Chandragupta Basadi dedicato all'imperatore ChandraguptaMaurya. Questo è stato originariamente costruito dall'imperatore Ashoka nel 3 ° secolo B.C ..

La statua monolitica di Gommateshwara Bhagawan Bahubali, alta 57 piedi, è stata consacrata da Chavundaraya, primo ministro e comandante del Regno di Talakad Ganga nel 981 A.D.
Shravanabelagola è una città storica del tempio e centro di pellegrinaggio a Karnataka, situato nell'India meridionale. Questa piccola città vanta il più grande numero di templi di Digambara e il più grande numero di iscrizioni nel paese. Il cynosure dei secoli, Gommateshwara torna nel suo splendido sereno solitario di 57 piedi, oltre la campagna circostante. Questa statua monolitica freestanding, che corona i 433 metri di altezza di oggi Indragiri o Vindhyagiri, scolpita di granito è il più grande del suo genere al mondo. Maggiore opinione scolastica data la sua consacrazione da Chavundaraya, un generale della dinastia di Ganga, al 981 A. D. Ispirato da sua madre Kalala Devi. La statua è stata eseguita in 12 anni da Mahashilpi Arishtanemi. In precedenza Indragiri, con 647 gradini, è stato chiamato 'Per-Kalbappu' (Large-Kalbappu) o Dodda Betta. Ci sono 7 tipi di monumenti: otto piccoli e grandi templi, quattro manti, due stagni, cinque gateway o fortezze, tre pilastri, due archi e 172 iscrizioni. Questi, in Kannada, Sanskrti, Marvadi Mahajani, Tamil e Marathi, risalgono alla fine del XIX al XIX secolo A.D.

Bahubali was the son of Adinatha, the first in the line of the 24 Jam threerthankaras. Rishaba Adinatha, on embarking on his spiritual quest, bequeathed his capital city of Ayodhya to his eldest son Bharata. Paudanapura went to Bahubali, the younger son. Bharata ventured on an ambitious course of annexation, in his desire to don the mantle of the paramount emperor of his age.
Bahubali refused to accept his elder brother’s suzerainty. Wiser counsel of elder ministers averted a battle between the kingdoms, which would have let to colossal loss of lives. Instead, Bharata and Bahubali were to engage in a duel. This probably was the first instance in human history of voluntary disarmament, avoiding unnecessary bloodshed. In all three different types of fight (drishti yuddha, malla yuddb) hubali was the victor. As a last resort Bharata unleashed his lethal weapon – the chakra. To the amazement of the entire assemblage, the chakra circled Bahubali and settled at his right side.

In this moment of supreme victory, Bahubali was struck by the frailty of fortune and the hollowness of desires, which even led to fraternal conflicts over mere worldly possessions. In an act of unsurpassed renunciation he abandoned everything but his soul. Observing the severest of austerities, he stood in meditation in Kayotsarga pose for one full year, forsaking food and water. Such was his penance that anthills grew at his feet and as sculpted in the statue, tendrils – madhava latha – twirled around his arms. Thus he attained the state of Kevali Arihantha – perfect and complete knowledge about the universe, without undergoing any preparatory stages in previous lives, which is mandatory for attaining such transcendent realisation. The acme of manly perfection in physique, had now sublimated into godhood. ‘Gommata’ in Kannada, which means ‘huge’ thus gave birth to Gommateshwara Bhagawan or Sri Bahubali Swami.

Opposite Indragiri is the Chikka Betta (small hill) or Kalbappu, now called Chandragiri, the abode to the historic Bhadrabahu Basadi and ChandraguptaBasadi. This 200 feet high hill with 192 steps also treasures the imprint of Bhadrabahu’s feet, the revered jam monk, who was the teacher and spiritual guid of the Mauryan Emperor Chandragupta. There was 18 temples dating from 9th cent. A.D. to as recent as the bearing Dravidian architectural features. A historic inscription dated circa 600 the earliest in the country to refer to the migration of Jams to the south, the famine in Ujjain, to the role of Bhadrabahu in safeguarding the Sangha. Wri Sanskrit, another of the earliest, refers to Chandragupta. It also has the records of 92 deaths by Samadhi of Jam monks..

‘Bili-gola’ (white pond) nestling between the two hills, became Belgola, and consistently used between 650 A.D. and 1889 A.D. Shramana or Shravana after Digambar (naked) monks used this place, was added to form Shravanabelagola. Apart froe there are two ponds on Vindhyagiri, three on Chandragiri, there are ponds or tanks near almost every monument. There is no record of construction of ponds before time of Gangaraja (early 12th cent.). There are 7 temples in the town and — more in Jinanathapura and surrounding areas. The foundation of Jmnanathapura a northern foot of Chandragiri was undertaken by Gangaraja in 1117. The Santivara Basadi located here, is the most ornate of the Hoysala Basadis in Karnataka.

Mysore
Mysore is a city in the Indian state of Karnataka, and the administrative seat of Mysore District, one of the largest districts in Karnataka. Patrons of art and culture the Wodeyars ruled Mysore kingdom and contributed significantly to the cultural growth of Mysore city. Mysore was the former capital of the Kingdom of Mysore until 1947. Mysore is the name by which Karnataka State was known prior to 1973.

Mysore is located at 770 m above sea level at 12.18° N 76.42° E and is 140 km from Bangalore, the state capital. It covers an area of 128.42 Sq. Km. having City Municipal Corporation since 1977. The population of the city is 8,87,446 consisting of 4,62,617 males and 4,24,849 of females according to the census of 2011.
Mysore, the cultural capital of the Karnataka state, has many educational, commercial, administrative centers and heritage monuments. It was the home for many great musicians, music composers, dancers, Sanskrit scholars, writers and in general intellectuals.

The city with the majestic Mysore Palace, the royal mansions, public buildings, gardens, water bodies and planned markets exhibit an indelible impression of the vision of the Maharajas, their Dewans and other talented luminaries on the City Municipality as early as 1862. The total harmony of buildings, sites, lakes, parks and open spaces of Mysore and the back drop of Chamundi hill adds to city’s attraction.
Mysore is called the City of Palaces as a number of palaces are situated in the city. Ambavilas Palace, the main palace of Mysore is one of the most visited monuments in India, even beating Taj Mahal. Mysore is a tourism hot spot and also acts as a base for other tourist places in the vicinity of the city. The city receives the maximum number of tourists during the Dasara festival which signifies the triumph of good over the evil and the worship of Devi Chamundeswari, is being celebrated with much pomp and glory as a State festival.

Chitradurga Fort
The well-maintained ruins of sprawling Chitradurga Fort are a hidden, lesser-known gem in the heart of the Deccan Plateau northwest of Bangalore, on the way to Hampi. Much of the fort was built by the Palegar Nayakas between the 15th and 18th centuries.
It was later expanded by Hyder Ali, who defeated the Nayakas. Its rocky landscape on a granite hill is peppered with boulders and valleys. Notable features include seven circular walls, 19 gateways, 35 secret entrances, four invisible passages, 2,000 watchtowers, 18 temples in the upper fort, and a hugetemple in the lower fort.