viaggio india tripadvisor

Notizie utili per india

MAPPA DELL'INDIA
L'India è una federazione di stati con parlamenti e governi autonomi. Esistono 28 stati federati e 6 + 1 territori, tutti suddivisi in distretti. Riportiamo a seguito l'elenco degli stati e dei territori :
28 Stati federati
Andhra Pradesh - Arunachal Pradesh - Assam - Bihar - Chhattisgarh - Goa - Gujarat - Haryana - Himachal Pradesh - Jammu e Kashmir - Jharkhand - Karnataka - Kerala - Madhya Pradesh - Maharashtra - Manipur - Meghalaya - Mizoram - Nagaland - Orissa - Panjab - Rajasthan - Sikkim - Tamil Nadu - Tripura - Uttar Pradesh - Uttaranchal - Bengala Occidentale
6 Territori dell’Unione
Andamane e Nicobare - Chandigarh - Dadra e Nagar Haveli - Daman e Diu - Lakshadweep - Pondicherry
1 Territorio della capitale nazionale
- Delhi

Città principali in India
New Delhi è la capitale dell’India: insieme a Old Delhi forma Delhi, un agglomerato enorme che, con 1483 kmq di superficie e più di 11 milioni di abitanti, è una delle città più popolose della terra. Old Delhi è un intricato groviglio di stradine affollate; New Delhi, la parte nuova, è tutta raccolta attorno al Parlamento del Paese. Sede delle principali università indiane.
Delhi, che secondo la leggenda, esiste da tremila anni, ha un grande passato storico e artistico. Connaught Place è il cuore pulsante della città, un enorme piazzale rotondo sede di gioiellerie, boutiques, banche e uffici di compagnie aeree. Nel sotterraneo Pallika Bazar, 400 negozi trattano gli articoli di importazione più richiesti dal mercato indiano. Il National Museum è il principale museo della capitale, dove sono esposti oggetti indiani che vanno dalla preistoria a oggi. L’edificio circolare all’estremità di Parliament Street, nei pressi del quale sorge il Palazzo del Governo (Rashtrapi Bhavan), ospita la Camera dei deputati. Immediatamente a sud sorge il quartiere diplomatico, Chanakyapuri, con le ambasciate ciascuna nello stile del proprio Paese. Il Mausoleo di Humayun rappresenta il primo esempio compiuto di tomba-giardino, cioè di quella sintesi tra arte funeraria e verde ornamentale che ha nel Taj Mahal di Agra la sua massima espressione.

Come arrivare in India
I maggiori aeroporti indiani sono quelli di Mumbai (Bombay), Delhi, Kolkata, Chennai (Madras) e Kerala. I voli dall'Europa arrivano di solito nelle prime ore della mattina, il chè puó essere un inconveniente se non hai prenotato un hotel. Delhi è il posto piú economico per comprare un biglietto in India, seguito da Kolkata e Mumbai. I voli internazionali in Paesi vicini sono di solito economici: specialmente tra Kolkata e Dhaka(Bangladesh), Delhi e Karachi(Pakistan) e Tiruchirappalli e Colombo(Sri Lanka). Un nuovo aeroporto internazionale vicino Kochi in Kerala aprirá presto.
Le piú famose strade internazionali tra India e Nepal sono Birganj-Raxaul Bazaar, Sunauli-Bhairawa e Kakarbhitta-Siliguri. Se provieni da Kathmandu o da Pokhara per Delhi o da qualsiasi altra parte in India del Nord, Sunauli è la piú conveniente; per arrivare a Kolkata o in India orientale, Birganj è il posto migliore per passare il confine; e per raggiungere Darjeeling, la via piú facile è Kakarbhitta. E' abbastanza facile viaggiare tra Kolkata e Dhaka. L'unico confine aperto tra India e Pakistan è tra Lahore e Amritsar e puó essere passato sia via treno o via terra. Gli altri confini possono essere passati solo via terra.

LUOGHI DA VISITARE IN RAJASTHAN INDIA
La zona di Jammu e Kashmir è un paradiso di per sé stessa, la regione è ricca di montagne innevate, vette scintillanti e di una gran varietà di fiori. Lo stato è diviso in tre regioni che differiscono tra loro per le caratteristiche del territorio e per cultura. La pianura pedemontana di Jammu era la roccaforte dei sovrani Hindu e abbonda di templi famosi e di recessi forestali appartati.
I laghi e le valli celesti del Kashmir che ascendono ai passi alpini con la capitale, Srinagar, offrono deliziose occasioni di vacanza con le loro shikara (barche a fondo piatto tipiche del Kashmir) e le loro case galleggianti.
Il Ladakh è un territorio brullo di montagne desertiche, monasteri in cima alle pendici e uno stile di vita pittoresco, La bellezza mozzafiato del Kashmir cattura. La valle brulica di attività come una meta da sogno che ha così tanto da offrire. Srinagar, è la destinazione preferita dai turisti. La città ha molte attrattive per attirare i turisti in questo luogo magico. Il lago Dal, Nishat Bagh, Shalimar Bagh, e Chashme Shahi sono alcuni dei luoghi più frequentati dai turisti a Srinagar. Si può stare nelle case galleggianti del pittoresco lago Dal. Tradizionalmente la maggior parte di queste case galleggianti sono decisamente lussuose in quanto volte a soddisfare le esigenze di ricchi turisti stranieri e sono dotate di ogni tipo di attrezzatura moderna. Attorno a Srinagar: Pahalgam (a 95 km, offre incredibili opportunità di fare escursioni, cavalcare, pescare e molto altro), Gulmarg e i ghiacciai e i campi di Sonamarg (entrambe sono belle località collinari del Kashmir che davvero costituisce un’esperienza fondamentale) sono tutti luoghi deliziosi di per sé stessi. Dopo aver visitato il Kashmir sarete d’accordo nel sostenere che ciò che era iniziato come un sogno continua ad esistere come un’esperienza indimenticabile.

Una terra veramente senza confronti per la sua bellezza maestosa, il Ladakh è una vasta distesa desertica fredda e spazzata dal vento, patria della minoranza buddista e stato ricco di affascinanti monasteri. Sperimentare il rafting tra le rapide sul tratto di 26 km che va da Fhey a Nimo lungo l’imponente fiume Indo è un’ esperienza eccitante. E’ il più alto punto al mondo dove sia possibile praticare rafting. L’altitudine elevata e le montagne lo rendono un luogo ideale dove praticare parapendio, alpinismo, trekking e persino lo sci. La capitale è la città di Leh. I principali centri di attrazione sono il palazzo di Leh, il monastero Thiksey, il palazzo di Stok,il Namgyal Tsemo Gompa, il Sankar Gompa, lo stupa Shanti e il Soma Gompa. La fauna del Ladakh comprende lo yak, lo stambecco himalayano, l’antilope tibetana, il leopardo delle nevi, l’onagro, l’orso rosso e la gazzella. Il Ladakh è tutto racchiuso nella magia di paesaggi che mutano ad ogni chilometro percorso, nel suono dell’aria e nel ritmo dei corsi d’acqua, nella bellezza di vaste distese brulle e del deserto di neve che si percepisce sulle vette e sulle sommità dei rilievi ed ha il secondo più alto passo transitabile con veicoli al mondo ed un aeroporto.

Ambasciata India in Italia
Attenzione Milano: Coloro che vogliono richiedere il visto indiano a Milano devono farlo attraverso l'ufficio visti di via Marostica (IVOC - Indian Visa Outsourcing Center) e non più attraverso il consolato.
Attenzione Roma: coloro che richiedono il visto all'ufficio consolare dell'ambasciata di Roma, dal gennaio 2013 devono obbligatoriamente caricare una foto durante la compilazione online del modulo di richiesta (visita le pagine sui visti indiani per saperne di più - i link sono in fondo alla pagina)

INFORMAZIONI GENERALI RAJASTHAN INDIA
Un Paese che vi incanterà con la propria bellezza e diversità, vi delizierà con i propri fasti colorati, vi arricchirà con la propria cultura, vi sbalordirà con la propria modernità, vi abbraccerà con il proprio calore, e vi avvolgerà con la propria ospitalità.
Posta nel sud dell'Asia, bagnata dal Mare Arabico e dal Golfo del Bengala, l'India occupa un'area totale di 3.287.590 km2, che è appena più di un terzo degli Stati Uniti. I suoi confini toccano anche il Bangladesh, il Bhutan, il Myanmar, la Cina, il Nepal, ed il Pakistan.
Presenta una vasta linea costiera lunga 7.000 km.
La diversità del terreno varia dall'altipiano della Deccan nel Sud, alle pianure piatte ed ondulanti lungo il Gange, i deserti all'Ovest e l'imponente Himalaya al Nord nel quale si innalza il picco del Kanchenjunga. Con i suoi 8.598 metri, è il punto più alto dell'India.
VISTO PER VIAGGIARE IN NEPAL
Non è possibile ottenere in Italia presso il Consolato Onorario del Nepal a Roma. E’ possibile comunque ottenere il visto direttamente all’ingresso nel Paese presso la frontiera terrestre e all’aeroporto di Kathmandu presentando il passaporto (con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo) e due foto tessera.
Il visto ad ingressi multipli costa 25 dollari USA per 15 giorni di permenenza; 40 dollari USA per 30 giorni di permanenza; 100 dollari USA per 90 giorni di permanenza. Per maggiori informazioni e aggiornamenti, relativi anche all’estensione del visto, si consiglia di visitare il sito internet del Department of Immigration di Kathmandu: http://www.immi.gov.np/main.php
Il visto d’ingresso consente di muoversi nella valle di Kathmandu, Phokara e nel parco naturale di Chitwan; mentre per effettuare trekking in altre zone del Paese è necessario richiedere un apposito permesso agli uffici locali per l’immigrazione che si trovano a Kathmandu ed a Pokhara. Nel caso ci si rechi in Nepal con un volo in transito per l’India, si consiglia di munirsi di un visto di transito da richiedere alle Autorità consolari indiane in Italia.

ASSICURAZIONE INDIA
Agra - Il fantastico mondo del Taj Mahal
Agra è la città del famosissimo Taj Mahal, un «monumento all'amore» costruito nel 1652 dall'imperatore Moghol Shah Jahan in memoria dell'adorata moglie Mumtaz Mahal, morta prematuramente. Sia che lo si guardi nella luce eterea della luna piena o nella luce rosata dell'alba, o riflesso nelle fontane del giardino, il Taj Mahal è sempre uno spettacolo che incanta.
orse la visione più commovente si ha da una piccola torre ottagonale, posta nella Fortezza oltre il fiume Jamuna, dove l'imperatore Shah Jahan visse, imprigionato, i suoi ultimi giorni fissando la tomba di sua moglie.Il palazzo, costruito in ventidue anni dai migliori artisti dell'epoca, è in marmo bianco incastonato di pietre preziose e contiene i cenotafi dell'imperatore e della moglie nascosti dietro una preziosa giata in pietra.
Agra è famosa anche per i suoi prodotti artigianali.A 40 km da Agra si trova la città fantasma di Fatehpur Sikri, costruita nel XVI secolo dall'imperatore Akbar come nuova capitale dell'impero ed abbandonata dopo pochi anni per mancanza d'acqua.La visita completa dell'area richiede normalmente un paio di giorni.

VACCINAZIONI E MEDICINALI INDIA
Vaccinazioni e assistenza sanitaria per viaggiare india
Non è obbligatoria nessuna vaccinazione (a parte quella per la Febbre Gialla se si proviene da paesi infetti) anche se è opportuno prendere alcune precauzioni. Sono consigliate le vaccinazioni per l'antitifica, l'antitetanica e l'epatite A, da iniziare due settimane prima della partenza, da continuare durante il soggiorno e per quattro settimane al rientro in Italia. Ovviamente molto dipende anche dal tipo di viaggio che affronterete, in quali zone vi recherete e in che stagione.
Presso alcuni centri di medicina dei viaggi o presso i tour operator sono spesso disponibili gratuitamente opuscoli e stampati di informazione sanitaria per i viaggiatori. La qualità dell'assistenza sanitaria varia molto a seconda del posto, soprattutto al di fuori delle grandi metropoli. È fortemente consigliato rivolgersi alle cliniche che offrono servizi specificamente per i viaggiatori e agli stranieri residenti, anche se più costose rispetto agli ospedali locali, offrono un'assistenza sanitaria di livello superiore. Per le infermità di lieve entità, una volta che vi siete procurati i farmaci adatti, potete curarvi anche da soli.

FUSO ORARIO INDIA
L'India fa parte delle regioni del mondo in cui il fuso orario non corrisponde a uno spostamento di un numero intero di ore rispetto all'UTC (Coordinated Universal Time).
L'ora standard locale è 5 ore e 30 minuti in anticipo rispetto a quella del meridiano di Greenwich e 4 ore e 30 minuti rispetto all’Italia (3 ore e 30 minuti quando è in vigore l’ora legale). Di norma superando più di cinque fusi orari si viene colti dalla sindrome del jet lag.
Per evitare le spiacevoli conseguenze di insonnia, malessere e nausea, bevete molti liquidi (non alcolici), mangiate possibilmente cibi leggeri e una volta arrivati cercate di riadattare il prima possibile il vostro ritmo biologico.

VALUTA INDIANI
La moneta è la rupia indiana (Rs). In India circolano monete da 50 paise e da Rs1, 2 e 5, 10 ; le banconote sono in tagli da Rs 5, 10, 20, 50, 100, 500 e 1000. La rupia indiana essendo collegata a un paniere di monete, ha un valore molto stabile.
1€ corrisponde a circa 75 Rs. Solo nelle città principali si trovano bancomat da cui prelevare direttamente moneta in valuta locale. Dunque cercate di avere con voi sempre un po' di rupie in banconote di piccolo taglio perché difficilmente tassisti, piccoli negozianti ecc. saranno in grado di darvi il resto.
Il cambio conviene farlo subito all'arrivo all'aeroporto e poi, anche se si perdono pochi centesimi di Euro, direttamente al "money-change" del vostro hotel.

LINGUA IN INDIA
In India vengono parlate più di 1.600 tra lingue e dialetti; le lingue ufficiali sono l’hindi, parlato da circa il 30% della popolazione, e l’inglese, lingua dell’amministrazione e del commercio parlata solo da una minoranza della popolazione. La Costituzione indiana riconosce come lingue ufficiali anche il bengali, il tamil, l’urdu, il telugu, il marathi, il gujarati, il kannada, il malayalam, l’orya, il punjabi, l’assamese, il kashmiri, il sanscrito e il sindhi. La maggior parte delle lingue diffuse nelle aree settentrionali del paese (urdu, hindi e bengali, ma anche punjabi, assamese) appartengono al ceppo indoeuropeo e derivano dal sanscrito, l’antica lingua con cui fu stilato il vasto corpo di scritture religiose e laiche che costituisce il nucleo della letteratura indiana classica.

CLIMA E ABBIGLIAMENTO INDIA NEPAL
Per l’India del Nord, il Rajasthan e il Nepal (in Nepal la temperatura è solitamente di appena due o tre gradi inferiore a quella del Nord dell’India, l’altitudine massima che si raggiunge salvo sia previsto un trekking è intorno ai 1300 metri circa) il periodo migliore per una visita va da ottobre ad aprile; il monsone è presente in questa parte del subcontinente indiano da luglio a settembre.
Anche durante questi mesi le diverse località sono tranquillamente visitabili, in quanto il monsone che arriva al Nord vi giunge molto blando e comporta raramente pioggia incessante, generalmente si tratta di acquazzoni di durata molto breve. Nella stagione estiva è adatto un abbigliamento come quello indicato per l’India del Sud, in quella invernale, dalla fine di ottobre alla fine di marzo, abbigliamento da mezza stagione; invernale a dicembre e gennaio.in India del Sud è caldo tutto l’anno. Il periodo del monsone va da maggio a giugno, ritorna poi in forma molto più leggera in ottobre.

ACQUISTI RAJASTHAN INDIA
Potreste comprare davvero di tutto in India. Che vi serva o meno. L’importante è guardare, annusare, scegliere, contrattare… e solo alla fine pagare. Con la soddisfazione di portarsi via la cosa più utile o più inutile del mondo. Ma questo ha poca importanza. L’importante – in India – è mettere piede in uno dei tanti e grandi bazar, e farlo con tutti e cinque i sensi.
Troverete gli oggetti in marmo intarsiato di Agra, le sete di Varanasi, gli oggetti in bronzo di Khajuraho o il legno intarsiato in Nepal. Jaipur è famosa per le pietre preziose, si possone fare ottimi acquisti ed in generale in Rajasthan, i gioielli in argento sono tra i più belli a Jaisalmer. Vi consigliamo inoltre gli scialli ricamati in lana e le splendide Pachmine, vestiti tradizionali delle donne: i completi con casacca e pantaloni “Punjabi” in cotone e le sari, disponibili in una infinita gamma di tessuti e colori. Troverrete inoltre preziose miniature su carta ad Udaipur, nonché oggetti in legno di sandalo, incensi e spezie a Jodhpur. Parte di una tradizione antica sono i bellissimi tappeti ancora oggi lavorati artigianalmente. In Nepal sono reperibili dipinti e oggetti di arte buddista provenienti dal Tibet. E’ vietata l’esportazione di avorio e per lo sdoganamento di oggetti di antiquariato è bene chiedere il certificato al negoziante. Le guide sono fidate, quindi i negozi consigliati sono assolutamente di fiducia.

ELETTRICITA IN INDIA NEPAL
220 V in quasi tutto il paese. Le prese elettriche sono di tipo europeo. In ogni caso verificate il voltaggio prima dell'utilizzo delle stesse. Sarà utile un adattatore.

ASTI E BEVANDE IN INDIA
pasti e bevande in india, Ricordiamo che la cucina indiana varia da regione a regione; al Sud è più piccante e con molti piatti vegetariani; al nord, per l’influenza musulmana, meno piccante e con la maggioranza dei piatti a base di carne (pollo e montone). E’ raro trovare carne bovina e suina. Il pasto indiano è composto da una vasta scelta di piatti di verdura cotta e talvolta di carne o pesce, accompagnati da riso e da lenticchie (il dhal, il piatto tipico). Non mancano salse di vario genere, spesso piccanti, ed i numerosi tipi di pane locale (chapati, nan, roti, etc.)
Vi consigliamo di assaggiare il formaggio cotto indiano (paneer) ed i famosi piatti tandoori (carne o pesce marinati in salsa di limone, spezie e yogurt e cotti in uno speciale forno di terracotta). Poca la frutta al Nord e in Rajasthan, abbondante e gustosissima al Sud. In molti degli alberghi di queste località i pasti sono a buffet, con scelte di piatti sia locali che internazionali